Commenti recenti

    Categorie

    Fi a Montesarchio: è scontro frontale tra Izzo e Di Somma. Papa: scorretti i commenti partitici sul profilo del Comune

    Scritto il 24 luglio 2017 - 17:16

    MONTESARCHIO – Il pomo della discordia è stato un manifesto a firma congiunta tra Forza Italia e Noi Sanniti. Il tono inquisitorio e accusatorio non è piaciuto al vicesindaco Lello Di Somma che, senza remora alcuna, si è scagliato contro il segretario del suo partito Michele Izzo. La querelle interna a Fi è finita sul profilo istituzionale del Comune di Montesarchio, o meglio la risposta è stata affidata all’addetto stampa dell’Ente. Angela Papa ha stigmatizzato la questione ritenendola una “caduta di stile”, precisando che il ruolo istituzionale dell’addetto stampa – pagato dal Comune (cioè con i soldi dei cittadini) – dovrebbe  essere quello di restare fuori “dalle beghe partitiche”. Fin qui tutto regolare. Di strano c’è l’atteggiamento di Di Somma che ha rotto ogni indugio pur sapendo quale sia stata in questi quattro anni la posizione del suo partito. Una posizione contraria all’amministrazione comunale e di forte opposizione alla linea dettata dal Partito Democratico ampiamente rappresentato in Consiglio.  A fare d’apripista sulle questioni interne ai berlusconiani c’erano state le nomine nella segreteria provinciale, dove Lucia De Nisi aveva manifestato il suo forte dissenso sulle decisioni adottate da Nunzia De Girolamo e dal suo entourage che non prendevano posizioni nei confronti del vicesindaco che” in quattro anni – aveva scritto la De Nisi – non aveva espresso nessuna vicinanza al partito ma  anzi aveva sostenuto e continuava a sostenere una civica di forte espressione di centrosinistra”. La sorpresa maggiore fu quella di notare la posizione morbida di Michele Izzo che invece di appoggiare lo scontro frontale della De Nisi, si lanciò in salamelecchi nei confronti di Di Somma. Ieri le carte si sono rimescolate. I giochi sono cambiati. Nel “mutati mutandis” dei ruoli e delle posizioni regna una grande confusione. I nodi stanno venendo al pettine in vista della campagna elettorale dove Di Somma sosterrà Franco Damiano e Michele Izzo, invece, è al lavoro per costruire un’alternativa sul territorio. Il “Caso Montesarchio” è finito sulla scrivania di Ferdinando Errico. Bisognerà capire chi resterà al timone di un partito che si presenta con delle forti contrapposizioni interne.

    Assunta Ferretta convegno forza italia montesarchio

    You must be logged in to post a comment Login